Eron (Enciclopedia Italiana Treccani)


Artista italiano pioniere del writing in Italia, ha successivamente evoluto il suo linguaggio in senso figurativo, attraverso una ricerca che lo qualifica, oggi, tra i più dotati e virtuosi interpreti della scena dell’arte urbana e della pittura contemporanea, raggiungendo riconoscimenti e consensi internazionali. Nonostante la formazione accademica presso la Scuola d’Arte di Urbino, il primo insegnamento nel campo dell’espressione creativa ed artistica gli viene dalla strada. E. inizia a praticare i graffiti all’età di quindici anni, nel 1988: a quella data uno dei primissimi esponenti sul suolo nazionale, soprattutto considerando una realtà periferica come quella riminese. Dopo parecchi anni di attività illegale e decine di vagoni dipinti con uno stile riconoscibile e di significativa influenza locale e nazionale, E. mette a frutto, mischiandole armonicamente, le sue esperienze di accademia e di strada. Prende vita una pittura fortemente evocativa, che si avvale dell’utilizzo virtuosistico ed iper-sensibile dello spray, di cui sfrutta al massimo la peculiarità di restituire un effetto visivo incorporeo e fumoso, derivante dalla facoltà di controllare la forza e la consistenza del getto. Ne deriva uno sfumato delicatissimo – con un effetto sfocato che può ricordare molto da vicino l’estetica di alcuni dipinti figurativi di G. Richter – , amante delle tonalità sabbiose, che eleva la tecnica dello spray alla pittura convenzionale, confondendone gli esiti ed eguagliandola nella capacità di mimesis del reale, dove in alcuni casi l’inganno ottico è talmente sorprendente da trarre in inganno lo spettatore. Emblematico in tal senso è l’episodio che vede coinvolto nel 2014 un operaio chiamato alla riverniciatura delle pareti del Museo d’Arte di Ravenna, il quale, non accorgendosi della finzione pittorica di un buco che l’artista aveva realizzato sul muro per l’esposizione appena conclusa, lo stucca. Tipico delle sue composizioni è il passaggio sequenziale o l’accostamento tra una traccia abbozzata, spesso nella sembianza di un disegno infantile, e una forma altamente definita in senso realistico. Proprio l’atto del disegno e della scrittura è uno degli aspetti più indagati nella sua poetica d’immagine, quale inesauribile forza di espressione umana. Le sue opere, inoltre, possono includere temi sociali non banali ed offrire allo spettatore un’esperienza che non si arresta al solo godimento visivo, attraversando molteplici livelli sensoriali. L’intervento più noto di E. è il notevole lavoro eseguito per il soffitto della chiesa di San Martino in Riparotta a Rimini, caso quasi unico al mondo di introduzione della tecnica artistica a spray in un contesto sacro. L’opera, intitolata Forever and ever..nei secoli dei secoli (2010) è un grande “affresco” contemporaneo, e come un manifesto stimola, attraverso il lucido talento dell’artista, una piena riflessione sulla considerazione dei graffiti all’interno dell’universo artistico contemporaneo. Un’altra interessante ricerca di E. è la serie di opere che prende spunto dal fenomeno percettivo conosciuto con il nome di pareidolia, una tendenza istintiva che associa immagini dall’apparenza nota a forme disordinate e casuali. A partire da macchie di umidità e muffa di vecchi muri la pittura dell’artista si fonde poeticamente agli evanescenti segni di decadimento naturale della superficie, creando suggestive visioni figurative che improvvisamente appaiono in tutta la loro trasparente imponenza. Le pareti, così, sembrano trasudare frammenti di memoria legata al luogo. Negli anni l’artista di Rimini ha conseguito importanti attestazioni, tra cui l’elezione a miglior street artist italiano da parte di Aelle Magazine, il Premio Arte Mondadori e il Terna Prize al Chelsea Art Museum di New York. In Italia e nel mondo si ricordano le sue partecipazioni a mostre collettive in prestigiosi contesti come quelli del Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano, dell’Horizon One Gallery - Museo d’Arte Moderna del Cairo, del Palazzo delle Esposizioni e del Museo d’Arte Contemporanea di Roma, della Biennale di Venezia e dell’Italian Cultural Institute di New York, solo per citarne alcuni.


Nel 2016 realizza per L’Istituto dell’Enciclopedia Italiana Treccani un’opera dedicata ai migranti dipinta sulla fiancata di un relitto navale dal titolo “Soul of the Sea” dove ritrae alcuni volti di donne e bambini che sembrano dipinti dalla ruggine del relitto stesso. L’immagine dell’opera in poco tempo fa il giro del mondo e viene pubblicata dall’Economist e dal Chicago Tribune come miglior foto del giorno nel mondo.


Guarda il video collage dei TG che hanno diffuso la notizia del finto buco disegnato da Eron e in seguito stuccato da un operaio del Museo: BREAKING NEWS

Leggi la notizia diffusa dall’ANSA.IT


He was awarded best Italian street artist by the specialized magazine “AL Magazine” at the end of the 90s. He has been continuing, since then, to experiment and to improve his spray painting technique to achieve a unique and recognized pictorial result. Famous at international level for his figurative research in the field of street art and contemporary painting, Eron has been invited to display his works in several personal and collective exhibitions together with Obey, Ericailcane, Blu, Ozmo, Dem, Andreco, Olek, Phase 2, Flavio Favelli, Gabriele Basilico, Enzo Cucchi. For the first time in history, with the work

“Forever and ever... Nei secoli dei secoli...” painted by Eron in 2010, street art entered the place where Art has been transcending time for centuries: the church. The "consecration" of an art that up until the present day has been subject to a “universal prejudgement”... In 2012, the MMOMA magazine, official magazine of the Moscow Museum of Modern Art, wrote an exhaustive paper about Eron for the original character and poetics of his figurative style which combines drawing and reality by mixing up their boundaries.

Eron creates his works on the streets and on canvas, always taking into account the surrounding environment. The works that Eron creates on urban walls often concern social issues, whereas when he uses spray paint on canvas in his studio, his figurative research goes beyond the mere representation of a subject.


2014, Ravenna Art Museum (Italy):

Museum’s worker , deceived by a Eron painting. The "hole" was no real but painted on wall by the artist Eron.


Watch the video: BREAKING NEWS


Eron ha esposto in diverse parti del mondo tra cui:

Eron exhibited in several countries all over the world, among which:


Chelsea Art Museum di New York

Horizon One Gallery - Museo d'Arte Moderna di El Cairo

Palazzo delle Esposizioni di Roma

Biennale di Venezia

Palazzo della Permanente di Milano

Binz & Kreamer Gallery di Colonia

al PAC - Padiglione Arte Contemporanea di Milano

Galleria Nazionale delle Marche

Museo d’Arte Moderna Ugo Carà di Trieste

Civic Centre Ozumba of Lagos - Nigeria

LC Gallery di Berlino

Ego Gallery di Lugano

MACRO - Museo d’Arte Contemporanea di Roma

Italian Cultural Institute in New York

Blue Project Foundation - Barcelona

________________________________________________________________________



MOSTRE COLLETTIVE / GROUP EXHIBITIONS


2004   Premio Arte,  Palazzo della Permanente, Milano.

2005   Stay With Us,  galleria Fabjbasaglia, Rimini.

2005   Senza trucco,  galleria BoxArt, Verona.

2007   Street art. Sweet art,  PAC Padiglione Arte Contemporanea, Milano.

2007   Biennale del muro dipinto,  Rocca Sforzesca, Dozza (Bologna).

2008   Morandi e gli sviluppi della natura morta in Italia, Fondazione Ragghianti, Lucca,

2008   Scala Mercalli, Auditorium  Renzo Piano, Roma.

2008   Vuote a rendere,  Arte Due Gallery, Milano.

2008   ArtVerona 08,  Fiera d’Arte Moderna e Contemporanea, Verona.

2008   Premio Terna 08, mostra dei vincitori al Plazzo delle Esposizioni, Roma

2009   TVTB, Galleria Civica di Monza, Monza

2009   Connectivity,  Chelsea Art Museum, New York.

2009   Urban Affairs,  Lucas Carrieri Art Gallery, Berlino.

2009   Adriatica,  Per mari e monti Art Gallery, Civitanova Marche (MC)

2010   Terzo Rinascimento,  Galleria Nazionale delle Marche, Palazzo Ducale, Urbino

2010   Unnatural_Nature,  Museo d’Arte Moderna Ugo Carà, Muggia, Trieste

2010   Under Italian Eyes,  Horizon One Gallery, Museo d’Arte Moderna, El Cairo, Egypt

2011   Crosscurrents, Civic Centre, Ozumba Mbdiwe, Lagos, Nigeria

2011   Italian Selection, Galerie Binz & Kramer, Koln

2011   Paesaggio italiano / atto primo, Ex Chiesa della Misericordia, Perugia

2011   Biennale di Venezia

2012   How do you feel today? Obey, Eron, Olek, Art Temporary Museum, Bari

2012   Frontier - la linea dello stile, MAMbo - Museo d’Arte Moderna Bologna

2012   Attack Festival - Palazzo Candiotti Foligno - Palazzo Collicola Arti Visive Spoleto

2014   Urban Legends - MACRO - Museo d’Arte Contemporanea di Roma

2014   From Street to Art - Italian Cultural Institute in New York

2014   Visoni Contemporanee - Certosa di Capri - Capri (NA) Italy

2015   All the World’s Futures / The Bridges of Graffiti - 56° Biennale di Venezia - Venice

2015   Icastica / Arezzo - Italy

2016   Codici Sorgenti / Palazzo Platamone - Catania

2016   “Colors” /  Museum for Urban Contemporary Art - Berlin

2016   The Soul of Stars / Traffic Gallery, Bergamo - Italy

2016   Freedom as Form / Wunderkammern Gallery, Milan

2016   Hamlet Festival / Elsinor - Denmark

2016   Nuart Festival / Stavanger - Norway



MOSTRE PERSONALI / SOLO EXHIBITIONS


2009   Never Say Never,  Arte Due Gallery, Milano

2009   Reports,  Galleria Fabjbasaglia,  Rimini

2010   Images,  Ex Monte di Pietà, Santarcangelo di Romagna, Rimini

2010   Davide Eron Salvadei,  Studio arch. Bianca Maria Canepa, Faenza

2011   Eron firma il manifesto della città di Rimini. Galleria dell’immagine, Rimini

2011   Smells like the street, Mondo Bizzarro Gallery, Roma

2011   Inside your mind, Museo d’Arte Contemporanea Villa Franceschi, Riccione

2012   Mindscape, Ego Gallery, Lugano

2012   Scribbles and Memories, LC Gallery, Berlin.

2012   Eron, TOMAV - Torre Moresco Centro Arti Visive, Fermo

2013   Album, Binz & Krämer Gallery, Cologne

2013   Eron / Questions and Answers, White Room Gallery, Capri, Italy

2013   ERON - BLENDING, Palazzo Sums, Repubblica di San Marino

2014   ERON, Mar - Museo d’Arte della Città di Ravenna, Italy

2015   Eron / Soul of the Wall - Blue Project Foundation / Barcelona

2016   Soul of the Sea / Eron 2016 / Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani

2016   The Soul of Stars / Traffic Gallery Bergamo - Italy

2016   ERON / #present #past #sentiment #dust / Galleria Patricia Armocida - Milano